Home

LA METODOLOGIA IMPIEGATA DALLA RICERCA SU ANIMALI E' ERRATA

Il Dott. Werner Hartinger, chirurgo con specializzazione in chirurgia traumatica, Germania Ovest, scriveva:"Se le malattie non fanno che aumentare nonostante il sacrificio di miliardi di animali da laboratorio, allora è ovvio che la metodologia impiegata dalla ricerca su animali è errata.....Tutte le nostre conoscenze sulla reattività dell'organismo umano derivano dalle esperienze fatte con l'uomo e non da ciò che abbiamo appreso mediante prove su animali. Il Legislatore è anche lui di questa opinione, tanto vero che ogni medicina o terapia, per ottenere il nulla osta sanitario, deve prima essere sperimentata in prove cliniche sull'uomo, qualsiasi siano stati i risultati delle prove sugli animali.....Più di 1600 sostanze estranee sono state autorizzate per l'impiego nell'industria alimentare, altrettante per la cosmesi, e all'incirca il medesimo numero per i mezzi di consumo casalingo. Inoltre, un numero praticamente illimitato è consentito per uso farmaceutico. Tutte queste sostanze finiscono in modo incontrollato nel nostro organismo, e del loro effetto cumulativo non si sa nulla. Interessante è che molte di queste sostanze, di cui prove su animali hanno rivelato la tossicità, (ad esempio formaldeide, diossina, asbesto, percloretilina e tante altre), continuano ad essere smerciate con la scusa che prove su animali non significano nulla!"

(dal profilo fb di Federico Bartolozzi)


Google Analytics Alternative